Spread glitters, not s**t

11 agosto 2015
source

Un altro post sconclusionato, forse, ma che ho in mente da un po’. Da inizio anno, per la precisione, quando il proposito per il 2015 (come al solito) imperante sui social era “voglio essere più egoista e pensare più a me stesso/a”. Perché, del resto, c’è proprio bisogno di egoismo nel mondo. Tanto per fare un esempio, il 2 gennaio mi sono trovata il paraurti dell’auto parcheggiata davanti casa a pezzi, opera di un vicino, immagino, e nessun biglietto né di auguri né per dire “hey, ops, non ho fatto apposta, chiamami e fammi sapere che c’è da fare”.

Egoismo, dicevamo. Intendiamoci: io sono la prima a sostenere che bisogna imparare a volersi bene, prima di tutto. Ma tra questo e fare della massima “f** gli altri” il proprio stile di vita c’è una differenza abissale. Come se non bastasse, questa categoria di persone sono sicura che coincida (o quasi) con quella che intasa le bacheche con: critiche, lamentele, giudizi sugli altri. Trasmettendo ansia, malumore, diffondendo cinismo e scoraggiando il prossimo a forza di bastonate camuffate da “così va il mondo, baby”. Calpestando i sogni altrui, deridendoli, magari da dietro lo schermo di un pc, che pare rendere tutti più coraggiosi (faccia e faccia però che sorrisoni!).

Non sono la fata turchina (semmai la fata rosina, li voglio rosa, non azzurri i capelli). Vivo nello stesso mondo in cui viviamo tutti, ma non voglio arrendermi all’acidità e alla stronzaggine imperante. E mi sono stufata (per non dire altro) di tutti quelli che si sentono in diritto di comportarsi in un certo modo perché loro hanno una vita difficile e, rullo di tamburi, sono realisti.

*Dlin dlon, comunicazione di servizio*: la vita è difficile PER TUTTI. Tutti abbiamo fior fior di problemi e siamo sulla stessa barca (è vero, c’è chi ha uno yacht, ma alla fin fine sono comuni mortali pure loro). Ciò che vorrei dire alla “categoria” di cui sopra è:

BASTA!

Essere stronzi non rende migliori, e nemmeno più fighi. Soltanto stronzi. E’ fin troppo facile farsi trasportare dalla corrente che ci vuole grigi, scontenti, egoisti. Spargere sentenze e frecce avvelenate è il gioco più antico del mondo, quindi è pure inflazionata, come scelta.

Un buon proposito potrebbe essere quello di smettere di seminare spazzatura e spargere, semmai, qualche sorriso o pensiero positivo. Scommettiamo che nascerà qualcosa di buono? Condivido la filosofia di vita di Cinderella: sii gentile e abbi coraggio. E aggiungo un consiglio del Dalai Lama.

0 Comments

  • Sofàsophia

    11 agosto 2015 at 7:37 PM

    Magari tutti seguissimo questi consigli! Il problema è che vogliamo solamente subirli passivamente, sperando che la gente con noi si comporti in maniera altruista e gentile mentre noi ci riteniamo in diritto di comportarci un po' come ci pare e piace. Il risultato finale? Ci ritroviamo tutti a essere un branco di stronzi egoisti. Che amarezza!

  • Angiemela

    11 agosto 2015 at 9:21 PM

    Sottoscrivo tutto!! Certe volte ho la bacheca di facebook intasata di persone deluse, scontente e amareggiate (un classico? Quello che si ripromette di diventare "cattivo" perché essere buoni non paga, tutti l'hanno tradito ecc.. xD) che però di questa loro amarezza spesso sono pienamente responsabili…. perché appunto come dici tu la vita è difficile per tutti, sta a noi affrontarla con leggerezza e ottimismo, cosa che ci fa stare bene e rende sereni gli altri intorno a noi, migliorando poco a poco anche l'ambiente che ci circonda! ^^

  • Ludo

    12 agosto 2015 at 7:08 AM

    Bellissimo il consiglio.

    Forza e coraggio, Pamela!

  • Pamela

    12 agosto 2015 at 9:32 AM

    Io sono convinta non sia poi così difficile… basta volerlo, e invertire il senso di marcia ^_^

  • Pamela

    12 agosto 2015 at 10:08 AM

    Esatto, l'esempio che hai citato è un classico.
    Se la negatività, chiamiamola così, è contagiosa, lo stesso vale per la positività. Basta davvero poco per cambiare noi stessi e il nostro "microcosmo". L'importante è volerlo e non arrendersi alla corrente ^_^

  • Pamela

    12 agosto 2015 at 10:08 AM

    Sempre e comunque ^_^

  • secondgenerationimmigrant

    14 agosto 2015 at 9:11 AM

    Hai pienamente ragione su tutta la linea, ma purtroppo si sa, il cinismo tira un sacco e sei sputi qualche massima cinica sembri un profondo pensatore, mentre se cerchi di mantenere l'equilibrio dentro te stesso e con il mondo, senza essere iniquo con nessuno, ti danno dell'ingenuo e del buonista (come se fosse essere "buoni" il problema).

    Il punto e' che a smerdare la gente e buttarla a terra sono tutti buoni, e' facile, ma a sostenere la gente e farla sentire empowered ci vuole un tipo particolare di coraggio e di apertura mentale.
    La vita non deve necessariamente essere un gioco a somma zero, si puo' vincere tutti, con un po' di impegno comune, ma tornando al discorso precendente, essere stronzi e' facile, e' il cammino di minore resistenza, quello che permette di dare sfogo acritico ai pregiudizi e ai desideri di sopraffazione.

    Se non ti secca, condividero' questo post sul mio tumblr https://www.tumblr.com/blog/secondgenerationimmigrant

  • Pamela

    15 agosto 2015 at 11:50 AM

    Si tratta di invertire il senso di marcia… e continuare per la propria strada. Sono assolutamente convinta ne valga la pena. Gli effetti possono essere sorprendenti 😉
    Non solo non mi secca, ma mi fa davvero piacere ^_^ è un onore, grazie!

Chiacchieriamo?

Prev Post Next Post