Olga di carta #lastcenturyxmas day 3

3 dicembre 2015

La scorciatoia più veloce per tornare bambini, se si è smarrita la strada, è quella di tuffarsi in un romanzo per l’infanzia. Che poi, non so voi, ma io ho sempre trovato assurda questa definizione. Quando un romanzo è speciale, lo è a qualunque età lo si legga… e la storia di Olga, ve l’assicuro, promette di esserlo. Quindi, nel caso non sappiate cosa chiedere a Babbo Natale, nel caso siate Babbo Natale, o semplicemente, come me, cerchiate letture un po’ magiche che vi accompagnino in questi giorni di attesa, fateci un pensierino.

Olga Papel era una ragazzina esile come un ramoscello, mangiava come un uccellino, faceva respiri brevi, e il suo esistere, quasi sempre, produceva pochissimo rumore, se non un leggero fruscio, come la pagina di un libro mossa dal vento. Talvolta era in un posto e subito dopo era in un altro; saltava fuori bagnata zuppa da dove acqua non ce n’era, sporca di sabbia da un bosco innevato, bruciata dal sole in un giorno di pioggia.

Olga di Carta, Elisabetta Gnone (Salani Editore)

0 Comments

  • LadyCooman

    4 dicembre 2015 at 10:00 AM

    Questo libro è bellissimo e scritto veramente bene. L'ho divorato ed è un perfetto regalo per tutte le età^^
    Spero che l'autrice scriva altro con protagonista Olga <3

  • Pamela

    4 dicembre 2015 at 3:20 PM

    L'ho appena iniziato, ma ne sono convinta al 100% ^_^ secondo me ci sono buone probabilità che diventi una saga!

E tu che ne pensi?

Prev Post Next Post