Segnalazione: “Un profumo da annusare o I Saltimbanchi” di Flaubert

30 settembre 2016

L’autunno è quel periodo dell’anno in cui ogni lettore si sente giustificato ad accumulare più libri del solito: nessuno può mettere in dubbio il fatto che sia cosa buona e giusta fare provviste per la stagione fredda, no? Sia mai che una tormenta di neve ci blocchi in casa, per dire! Ebbene, eccomi qui a presentarvi una nuova uscita molto interessante, in particolar modo per noi amanti dei classici: Un profumo da annusare o I Saltimbanchi di Gustave Flaubert, parte della collana Classici da (ri)scoprire de La Bottega dei Traduttori (di cui vi ho già parlato in questi post). Grazie a Ramona Loperfido possiamo leggere per la prima volta in italiano uno dei primi scritti dell’autore.

Titolo: “Un profumo da annusare o I Saltimbanchi

Autore: Gustave Flaubert

Traduttore: Ramona Loperfido

Editore: “La Bottega dei traduttori” (Youcanprint)

Pagine: 47

Formato: e-book e presto anche in versione cartacea

Prezzo e-book: 1,99 euro

Disponibile su: Amazon e tutti gli store digitali

Sinossi:

“Un profumo da annusare o I Saltimbanchi” fa parte degli scritti giovanili di Gustave Flaubert. Si tratta di un racconto che l’autore stesso definisce “filosofico, morale, immorale, ad libitum” e che contiene un messaggio “triste, amaro, oscuro e scettico”: sarà compito del lettore ricercarlo nel testo e identificarlo. Composta nel 1836, quando Flaubert non aveva ancora compiuto quindici anni, l’opera narra la storia di una famiglia di saltimbanchi sventurati che si ritrova a dover fare i conti con la fame e la povertà. Marguerite, la protagonista, è una donna brutta, invecchiata precocemente a causa delle pene che la vita le ha inflitto. Derisa e disprezzata da una società che non si cura di chi è meno fortunato, la “Rossa Laida” sarà costretta a subire il tradimento del marito Pedrillo con la saltimbanca Isabellada, una ventenne “bella, incoronata di fiori, di profumi e d’amore”. La gelosia e la rabbia prenderanno così il sopravvento e Marguerite, tanto risoluta quanto disperata, compirà un gesto estremo che sancirà il punto di non ritorno della storia, l’epilogo “bizzarro e amaro” già preannunciato dall’autore stesso nella sua introduzione al racconto. La scelta di inserire “Un profumo da annusare o I Saltimbanchi” all’interno della collana “Classici da (ri)scoprire” nasce dall’idea di rendere fruibile al lettore italiano un testo quasi del tutto sconosciuto nel nostro panorama letterario e che, al contrario, meriterebbe una grande attenzione. A differenza delle opere più note del nostro autore quali “Madame Bovary”, “L’educazione sentimentale” o “Salammbô”, infatti, gli scritti giovanili di Flaubert occupano ancora un ruolo marginale. Eppure le tematiche trattate e lo stile adottato lasciano già presagire la dimensione letteraria che assumerà poi il Flaubert della maturità. Il sogno, l’evasione mentale, le allucinazioni regalano attimi di speranza fugace a personaggi ben tipizzati che, annientati da una natura “che si è fatta matrigna”, lottano contro la sofferenza e le ingiustizie sociali. Alla fine chi vincerà?

Ringrazio La Bottega dei Traduttori per avermene inviata una copia. Non vedo l’ora di prendere un caffè con Flaubert 😉 prometto che vi terrò aggiornati!

Chiacchieriamo?

Prev Post Next Post