Lolita in Love: vi presento il mio primo romanzo

24 aprile 2017

Ci siamo, miei diletti. Ecco svelata la ragione per cui sono stata assente nell’ultimo periodo: Lolita in Love, il mio primo romanzo, sta per lasciare il nido. La storia che ho scritto con tanto amore tra pochi giorni non sarà più solo mia: il 29/5 sarà disponibile su Amazon sia in formato ebook che cartaceo. Potete immaginare la mia emozione, vero? 

In queste settimane che ne precedono l’uscita, ogni lunedì sul blog troverete un contenuto speciale per farvi conoscere Rainbow e il suo mondo, che poi è quello di una ragazza come tante. Beh, ha una famiglia problematica e qualche segreto, ma la perfezione, lo sappiamo tutti, non esiste.

Lo so cosa starete pensando: un momento, vuoi dire che hai scritto uno young adult? Tu che parli sempre di classici e romanzi storici? La risposta è… sì e no. Lolita in Love è nato da un “e se…” che ho seguito fino alla fine, ma senza sapere esattamente dove mi avrebbe portato. Non ho pensato al genere, mentre lo scrivevo. Le etichette, poi, non mi sono mai piaciute. Diciamo così: è uno young adult a modo mio. Se lo leggerete (e lo spero tanto) capirete cosa intendo.

Ma ora basta chiacchiere! Vi lascio la cover, creata appositamente per me da una digital artist davvero talentuosa (Methyss Art) e la quarta. Mi raccomando, rimanete sintonizzati perché tra le sorprese in arrivo c’è anche un giveaway!

Lolita in Love cover

Avere diciassette anni non è facile, soprattutto se vivi a Fort Rose, dove non succede nulla, e ti chiami Rainbow Day come me. Lo so, non dire niente: l’idea del nome è stata di mia madre, una fotografa hippy con più sogni che buon senso. La vedo poco, da quando mi ha piantata qui con mio fratello e mio padre. Non che veda molto anche lui, dato che sembra aver messo radici nel suo ufficio. Per fortuna a salvarmi ci sono il cinese che consegna a domicilio, le storie che scrivo e Chloe, la mia migliore amica, alla quale racconto tutto. O… quasi.

Okay, ho un segreto, ma a te posso dirlo. Nell’armadio, accanto alla divisa scolastica, nascondo la mia collezione di abiti Lolita. Vestirmi così mi fa sentire bene, ma lo faccio solo quando sono da sola, nella mia camera o nel parco abbandonato vicino a casa.

Proprio lì, qualche giorno fa, ho incontrato un tipo strano, Tristan, una specie di stalker col piercing al sopracciglio che non la smetteva di farmi domande. Ha preso bene le mie riposte da stronza, comunque. L’ho rivisto, e mi è piaciuto, ma se lo cerco di giorno sembra che non esista. E se me lo fossi inventato? Se fosse solo un sogno, una creazione della mia mente? Grandioso, Rainbow, sei messa così male da aver bisogno di un innamorato immaginario. Patetico. Un momento… ma chi ha parlato d’amore?

8 Comments

  • Bianca Mujica

    24 aprile 2017 at 11:15 AM

    Interessante! Non ho mai letto nulla che avesse a che fare col mondo Lolita, ma ho visto tanti documentari al riguardo. Non sarebbe per me, ma lo trovo uno stile a dir poco bellissimo!
    Io sinceramente sono un po’ stufa di tutte le etichette che si forzano e impongono su prodotti letterari e non. Se la storia è una Buona storia chisssssssenefrega quanti anni hanno i protagonisti, a quale target è indirizzata, a quale genere dovrebbe appartenere, ecc.?!
    Secondo me bisogna spogliarsi dal pregiudizio e lasciarsi chiamare dai libri (perché sono loro a scegliere noi e non viceversa, secondo me), tralasciando queste sigle, titoli, nomi, che possono essere utili, certo, ma possono anche ostacolare l’incontro con una storia meravigliosa!
    Io ti seguo da tempo ormai, sia sul blog che sul canale YouTube, che sugli altri social, e da quello che ci hai raccontato fino ad ora, conoscendo un po’ i tuoi gusti, io devo dire che NON VEDO L’ORA di leggere la tua versione di “romanzo”. Sono davvero davvero curiosa!
    Il tuo libro ha chiamato, e ha chiamato forte, e io risponderò molto molto volentieri 😉

    1. Pamela

      24 aprile 2017 at 11:57 PM

      Ho alcuni abiti lolita anch’io, lo confesso, ma giusto un paio, non come Rainbow, e risalgono a diversi anni fa ormai. Li ho indossati solo in qualche occasione speciale 😊. Presto dedicherò un post agli outfit della protagonista: mi sono divertita tantissimo a crearli ❤️.
      Ti ho già ringraziata su fb, ma lo faccio di nuovo qui! Le tue parole significano molto per me. È proprio vero, comunque, i pregiudizi ci mettono il paraocchi. Succede anche con i classici, che spesso si evitano perché ritenuti troppo complessi e lontani dalla nostra vita. La cosa migliore è affidarsi alla pancia 😉.
      p.s. Spero tanto ti piacerà!!

  • Ely

    27 aprile 2017 at 4:08 PM

    Carissima Pam,
    tanto per iniziare, la copertina mi piace davvero molto. Quello sfondo gotico e brumoso ha un fascino indiscutibile… Se poi vogliamo parlare di come scrivi e delle passioni letterarie che hai, beh, allora di sicuro sarà un libro a dir poco delizioso!!! Lo comprerò con grande entusiasmo e non mancherò di farti sapere cosa ne penso. Sono certa che non potrò che rimanere più che soddisfatta 🙂
    Si dà il caso che anche io, per motivi diversi, sia in attesa di un grande evento. Ha sempre a che vedere con la nostra passione, ma te ne parlerò in privato. Questo è il tuo angolo, è dedicato al tuo ‘bambino letterario’ e quindi di nuovo COMPLIMENTI e un grande abbraccio!!! Tienici aggiornate sulla pubblicazione. Con tantissimo affetto. Ely

    1. Pamela

      30 aprile 2017 at 12:40 PM

      Ely… grazie, davvero, per l’affetto e la fiducia. Mi commuovono, e non tanto per dire. In internet e nei vari social nel corso degli anni ho avuto la fortuna di conoscere persone deliziose come te, con cui condividere pensieri, passioni, progetti. Sì, sono davvero fortunata.
      Certo che ti terrò aggiornata… ma tu promettimi di fare lo stesso 😉 non sto nella pelle per la tua strepitosa novità, e non mancherò di parlarne anche qui! Awww, è un periodo pazzesco questo ^^
      A prestissimo, un abbraccio forte forte!

  • Rosa, leggo e scrivo

    17 maggio 2017 at 8:37 AM

    Okay, per la prima volta da mesi riesco a tornare qui … e mi trovo sommersa da tutte queste splendide novità! Adoro la nuova grafica, tanto per dirne una, ma soprattutto sto sprizzando gioia da tutti i pori all’idea di un TUO libro in imminente uscita. Cover adorabile, una protagonista che mi piace come si presenta e in più è bello e confortante sapere che hai scelto di non limitare la pubblicazione al solo formato e-book. Beh, inutile dirlo, ma lo dico lo stesso: resto sintonizzata!
    I miei migliori auguri per questa nuova avventura, Pam!

    1. Pamela

      18 maggio 2017 at 5:14 PM

      Grazie cara <3
      Sono felice che la nuova grafica ti piaccia! Ogni tanto sento il bisogno di portare una ventata d'aria fresca 😉 una pennellata di rosa ci voleva! Per quanto riguarda Lolita in Love, sono terribilmente emozionata. Ho ricevuto la prima copia proprio oggi e continuo a toccarla per essere sicura che sia vera XD Non avrei mai potuto limitarmi all'ebook... ci tenevo a fare le cose all'antica ^^
      Ti ringrazio con tutto il cuore per il tuo splendido commento <3 un abbraccio!

  • Larissa

    7 giugno 2017 at 9:51 PM

    Ma che infinita gioia leggere finalmente un libro fuori dagli schemi pur nella sua semplicità, un vero gioiellino di raro equilibrio, tutto è esattamente dove deve essere : personaggi, citazioni, emozioni, lacrime, sogni, speranze e possibilità.
    è un privilegio aver letto questo piccolo capolavoro già di diritto finito nella mia personale top ten dei libri da rileggere, rileggere, rileggere….

    Complimenti Pamela, sinceri complimenti per un’esordio che mi è entrato dritto nel cuore.

    Ps = la copertina è M.E.R.A.V.I.G.L.I.O.S.A. forse la più bella è azzeccata che abbia mai visto..

    1. Pamela

      15 giugno 2017 at 11:06 PM

      Larissa, il tuo commento mi ha regalato una felicità incommensurabile: me lo terrò stretto stretto, anche e soprattutto nei momenti no. Mi hai lasciata senza parole (e so essere logorroica quando mi ci metto XD). Grazie per questa sorpresa… e per aver lasciato che la mia storia ti arrivasse al cuore.
      Un abbraccio forte <3

      p.s. la copertina l'ho voluta il più fedele possibile al romanzo, da lettrice non sopporto quando non ha nulla a che vedere con la storia, mi sento sempre un po' tradita. Uno dei pro del gestire la pubblicazione in toto è che ho potuto fare tutto esattamente come lo desideravo! Il merito della sua bellezza è di Methyss Design, che ha colto al volo le mie indicazioni e ha realizzato la magia!

Chiacchieriamo?

Prev Post Next Post