25 Bookish Facts About Me

29 novembre 2017
Blog post

Video in cui snocciolo una serie di aneddoti sulla mia vita di lettrice, in ordine sparso, senza omettere quelli più imbarazzanti. Ho ripescato dalla memoria anche ricordi della mia infanzia, come quella volta in prima elementare in cui la maestra ci portò in gita in biblioteca e… e niente, racconto tutto qui sotto. 

Royalty Free Music from Bensound

Anche adesso se messa sotto pressione non sono in grado di decidere. Un giretto in libreria non dura mai meno di mezz’ora. Se è una cosa seria, invece, non vi sono certezze, quindi lasciatele fuori, o voi che osate entrare con me. Quindi no, da quell’esperienza di bambina non ho imparato proprio nulla, se non che la vita è ingiusta, perché i miei compagni sono tornati a casa con Roald Dahl, mentre io… beh, lo sapete.

Me lo raccontate anche voi qualche aneddoto? Dai dai dai!

7 Comments

  • Elisabetta

    29 novembre 2017 at 6:44 PM

    Dunque, partiamo da Harry Potter per vedere se sono ancora degna della tua amicizia. Ho tutti i libri, ma ne ho letti soltanto tre e li ho adorati. Per il resto, ci ha pensato mia figlia che li ha letti e riletti tutti più di una volta. Questo può bastare anche per me??? Prima o poi rimedierò, lo giuro… I libri, come sai, li venero, e anche io amo comprarli e detesto prenderli in prestito per le tue stesse ragioni. Li tratto molto bene e l’unica cosa che mi concedo sono le sottolineature a lapis dei passaggi che amo di più e che raccontano molto anche di me. Assolutamente vietate le piegature delle pagine, o il maltrattamento della copertina!!! Adoro i libri con il lieto fine (d’obbligo), ma spesso quelli che amo di più sono proprio quelli strazianti e poetici, quindi decisamente sì alle lacrime e alle emozioni forti. Difficilmente mi concentro su un unico autore, salvo i casi che già sai, e sono restia alle lunghe saghe. Anche io preferisco i libri ambientati nell’epoca vittoriana e, in generale, quelli di autori e autrici di lingua inglese e russa. Il mio autore italiano preferito è Verga; come te per Harry, potrei uccidere chiunque sminuisca ‘I malavoglia’, ‘Il Mastro Don Gesualdo’ o Le Novelle Rusticane. Spesso, al contrario di te, mi piace rileggere i libri che ricordo con più passione a distanza di anni per vedere quanto io sia cambiata, e ho sempre un libro in borsa e uno in auto, perché non si sa mai… ci fosse una fila o un intoppo, ho la compagnia assicurata. 🙂
    Il libro più lungo che ho letto: I pilastri della terra; magnifico! Quello più bello: I promessi sposi; insuperabile. Quelli più angoscianti: L’edera di Grazia Deledda e Proibito di Tabitha Suzuma. E poi si potrebbe proseguire all’infinito, ma credo di essermi già dilungata anche troppo.
    Aspetto con ansia il video sui consigli natalizi!!! Ely

    1. Pamela

      30 novembre 2017 at 11:32 PM

      Tu superi la prova Harry… io potrei avere qualche problemino con Verga XD ma ti prego, voglimi bene lo stesso <3 Dovrei anche spiegarti la sofferenza liceale a cui lo collego!
      Per quanto riguarda il "maltrattamento" dei libri, nemmeno io piego le pagine (a parte una breve parentesi della mia vita ^^) ma, per dire, se li metto in borsa e si piega un po' la copertina... pazienza. (La mia borsa fa concorrenza a quella di Mary Poppins. Ogni tanto provo ad alleggerirla, solo che per quante cose tolga pesa uguale, e allora rimetto tutto dentro e via). Anch'io sottolineo solo a matita, al massimo colorata. A volte disegno un cuoricino accanto ai passaggi che mi colpiscono.
      I pilastri della terra: prima o poi lo leggerò, come It (messo in stand by per ben due volte) e London di Rutherfurd.
      Grazie per aver condiviso qualche aneddoto anche tu Ely! Mi fa sentire meno sola XD

  • Carmela Giustiniani

    29 novembre 2017 at 10:20 PM

    Condividiamo quasi aneddoti! 😀 (ma non potrebbe essere altrimenti! xD) Faccio prima a dirti quelli in cui siamo diverse: io non sgualcisco e non sporco assolutamente i libri (infatti tutti mi dicono che sembrano intonsi xD) e se vado all’estero non controllo dove siano le librerie e a stento ci entro se non contengono libri in inglese…troppo frustrante vedere dei libri e non poterli leggiucchiare perché non capisco nulla! xD
    Ho passato il testo Potter ovviamente, visto che lo adoro anch’io <3
    OOOh il nostro gruppo di lettura di Udolpho! <3 Indimenticabile, credo sia stato uno dei pochi (se non l'unico) GDL da me seguito dall'inizio alla fine con immutabile interesse *_*

    Qualche mio aneddoto (oltre a quelli da te elencati):

    Fino a tipo dieci anni fa leggevo tranquillamente libri in prestito e anche se mi erano piaciuti non sentivo il bisogno di possederne una copia: il "feticismo letterario" l'ho sviluppato solo di recente xD

    Da bambina rileggevo fino alla sfinimento i libri che avevo, e infatti di molti di essi ricordo ancora interi brani a memoria! Oggi invece purtroppo non rileggo più 🙁

    Mi piace leggere libri a tema in particolari periodi, come il Natale.

    Se mi piace un autore leggo almeno tre o quattro suoi libri di fila, prima di stancarmene e abbandonarlo momentaneamente, a volte per anni xD

    Non inizio mai saghe troppo lunghe perché mi "scoraggiano" (ancora di più se non sono ancora complete), infatti l'unica che abbia mai letto è quella di Robin Hobb in ben 16 (esatto, sedici! xD) libri, ma ti assicuro che è speciale *_*

    1. Carmela Giustiniani

      29 novembre 2017 at 10:21 PM

      Nella prima frase volevo scrivere “quasi tutti” xD

      1. Pamela

        30 novembre 2017 at 11:41 PM

        A volte ho davvero l’impressione che siamo gemelle più che sorelle XD
        Leggendo i tuoi aneddoti ho pensato… guarda quante cose mi sono scordata di dire XD!! Per esempio, da piccola rileggevo anch’io addirittura più volte i miei libri preferiti… il fatto che crescendo abbia smesso credo sia collegato alla presa di coscienza dell’amara verità: non ce la farò mai a leggere tuuuuutto quello che vorrei!
        Stesso problema con le saghe: la più lunga nonché una delle rare eccezioni per me è Harry, ma non fa testo per le motivazioni di cui sappiamo! Tu mi batti con16 volumi *_* mamma mia! Dev’essere decisamente speciale!

  • Elisabetta

    2 dicembre 2017 at 10:57 AM

    Perdonata! Io in effetti amo Verga un po’ per la stessa ragione per cui tu hai un rapporto con lui controverso. Ho avuto la fortuna di prepararmi alla maturità con un professore competente e appassionato che mi ha aperto il mondo della sua magnifica e unica prosa! Senza di lui, temo, non lo avrei apprezzato neppure io. Come sempre, sono le persone a fare la differenza!!! 🙂
    Un abbraccio. Ely
    P.S.: il feticismo letterario cui accennava Carmela? Una brutta malattia che si presenta quando meno te lo aspetti, e che, ahimè, al momento non è curabile!!!

    1. Pamela

      5 dicembre 2017 at 12:20 AM

      Grazie Ely 😉 è vero, le persone fanno la differenza, per questo la scuola ha un ruolo determinante nel coltivare o al contrario stroncare le passioni sul nascere!
      No, temo proprio che per il feticismo letterario non ci sia cura, soprattutto a causa di pazienti recalcitranti e non inclini a collaborare XD

Chiacchieriamo?

Prev Post Next Post