Brontë Fever

29 Maggio 2015

Io sono la quarta sorella Brontë. Pamela Brontë.

 

image source

Non so nemmeno io cosa sia peggio tra il titolo, la rivelazione shock e la vignetta, ma non ho saputo resistere a nessuno dei tre.

Ho sempre subito il fascino delle sorelle Brontë. Se la loro vita interiore fu ricca e stimolante, lo stesso purtroppo non si può dire delle esistenze che condussero. Nessuna, al contrario di Jane Eyre, superate le difficoltà godette di un lieto fine. Charlotte, quella che ci andò più vicino, lo mancò per un soffio, beffata dalla sorte. E’ proprio il divario tra l’apparente ordinarietà di queste tre donne e la potenza delle loro opere ad attrarmi. Le immagino nella casa paterna, la canonica di Haworth, nello Yorkshire, che fronteggia un cimitero, firmare i loro manoscritti come Currer, Ellis e Acton Bell, senza sapere ciò che i loro veri nomi sarebbero diventati.

Il 2015 non sarà solo l’anno del completamento della mia educazione da Janeite, ma anche quello in cui colmerò le lacune che, ahimè, possiedo in materia brontiana, di cui ho letto solo Jane Eyre (il mio romanzo del cuore) e Cime Tempestose. Sì, è un’onta di proporzioni scandalose, e meriterei di essere messa in punizione nell’angolino della vergogna (vi supplico, però, di lasciarmi portare Villette, che sto amando alla follia… non me lo merito, ne sono conscia, ma devo recuperare il tempo perduto).

La Brontë fever, ovviamente, ha delle conseguenze anche materiali, oltre che intellettuali. Più che materiali, a dire il vero, dovrei dire economiche. Ladies and Gentlemen, ecco a voi le mie ultime follie:

 

The Oxford Companion to the Brontës, come intuirete, è il manuale del sommo sapere. Il non plus ultra. La BIBBIA. Qualunque dubbio, domanda, curiosità abbiate sulle loro vite, opere e miracoli, qui ci sono le risposte. Amen. L’ho scoperto su anobii, la mia rovina, poi, non si sa come, è finito nel carrello di Amazon e, magia, me lo sono ritrovato tra le mani! Mi dichiaro innocente, Vostro Onore!

Per quanto riguarda La vita di Charlotte Brontë, la celebre biografia scritta da Elizabeth Gaskell, non ci provo nemmeno a nascondervi la verità, questa è fin troppo assurda, pazienza se la mia follia uscirà allo scoperto. Dunque. Lo desideravo tanto. La Castelvecchi mi ha illusa per mesi con l’uscita della nuova edizione, posticipandola ogni santissima volta, mentre la precedente, La Tartaruga, è fuori catalogo da secoli. Finché, un giorno, ne ho scovata una copia all’asta su ebay, all’interno di un lotto che comprendeva altri diciassette libri di cui non m’interessava un accidenti. E… niente, sono stata l’unica a puntare, ma l’importante è il risultato U_U (a mio discapito, ho pagato davvero poco per tutti quei libri).

A prestissimo con le mie impressione su Villette <3

0 Comments

  • Sæglópur

    29 Maggio 2015 at 7:01 AM

    Io ho letto solo Cime tempestose, ma non è il mio genere… Troppo classico.

  • Antonella

    29 Maggio 2015 at 8:12 AM

    Io ho letto solo "Cime tempestose" e qualche frammento di "Jane Eyre" a scuola. Il genere non mi dispiace se somministrato a piccole dosi… 😀 Ma…e gli altri 17 libri?! Che fine faranno? E quali sono!?!

  • LadyCooman

    29 Maggio 2015 at 12:45 PM

    Carinissima l'immagine iniziale. Io ho letto solo Jane Eyre.

  • PattyOnTheRollercoaster

    29 Maggio 2015 at 10:51 PM

    So che mi disprezzerai per questo, ma lo devo dire: ho letto Jane Eyre e non mi è piaciuto.
    Forse è l'inevitabile conseguenza del divario temporale ma ho detestato Jane sin dalle prime pagine. Troppo perfetta, anche nelle sue calcolate, piccole e trascurabilissime imperfezioni.
    A parte questo posso solo dire che amo la vignetta *-*

  • Pamela

    30 Maggio 2015 at 9:09 AM

    Prova a leggere anche Jane Eyre ^^

  • Pamela

    30 Maggio 2015 at 9:11 AM

    Sai che non me lo ricordo? Sono ancora nello scatolone T_T a dire il vero so che qualcosa di interessante c'è, almeno un paio di titoli li salverò, gli altri credo li venderò a mia volta…

  • Pamela

    30 Maggio 2015 at 9:12 AM

    Quando l'ho vista sono impazzita XD l'autore è un genio!!

  • Pamela

    30 Maggio 2015 at 9:17 AM

    Ma figurati, ci mancherebbe <3 io, per dire, ho detestato Anna Karenina, sebbene sia osannato da tutti. (A dire il vero non l'ho nemmeno finito. E siccome sono masochista, voglio provare a dargli un'altra possibilità… vedremo…)
    La vignetta è super XD

  • Ludo

    30 Maggio 2015 at 1:58 PM

    Oh my goodness, I can't believe you got the Oxford companion to the Brontës!

    Non c'è altro da aggiungere. Anzi, no, una domanda: si dedica qualche pagina significativa anche al fratello?

  • Luz

    31 Maggio 2015 at 10:30 AM

    Questa "febbre brontiana" comprendo perfettamente. Anzi aggiungo che le emozioni che mi hanno dato le sorelle Bronte non sono state eguagliate dal repertorio austeniano. De gustibus.
    Delle meravigliose sorelle ho letto Cime tempestose, Agnes Grey, Shirley e su tutti Jane Eyre, che ho letteralmente adorato e letto più di una volta. A oggi è il mio romanzo in assoluto preferito. Non per l'intreccio soltanto, che già è mirabile, ma per lo stile e la superba intelligenza di questa meravigliosa scrittrice, che ritroviamo nella protagonista.

  • Siannalyn

    2 Giugno 2015 at 6:32 PM

    La vignetta è splendida! *_* E anche se passo raramente a trovarti ( 🙁 ) leggere i tuoi post è sempre piacevolissimo! 🙂

  • Muriomu

    3 Giugno 2015 at 10:51 PM

    Tu sei pazzaaa! XD
    17 libri per averne uno! Ora devi assolutamente farci un post sui titoli, perché sono troppo curiosa XDDD
    Tornando serie. Aspetta che mi do un po' di contegno.
    Allora, anch'io ho letto solo Cime Tempestose (che ho adorato) e Jane Eyre (che insomma).
    Per il primo, penso non si possa leggerlo senza provare emozioni forti per i protagonisti, nel mio caso odio profondo, ma è stato proprio quest'odio che me l'ha fatto amare.
    Sicuramente un libro come non se ne è mai più visti di simili.
    Per Jane Eyre invece, mi è piaciuta tantissimo tutta la prima parte, quando lei è piccina e viene bistrattata dalla spregevole zia e poi dal proprietario del collegio.
    Ma tutta la seconda parte, in cui tratta della storia d'amore, non mi ha emozionato, speravo solo finisse tutto il prima possibile >.<

  • Pamela

    4 Giugno 2015 at 9:52 PM

    Ebbene sì, la mia malattia è arrivata a tanto!
    E' veramente LA BIBBIA 😉 c'è una biografia per ciascun membro della famiglia, anche per Branwell, sono sette pagine in tutto, ma in realtà le informazioni sono sparse essendo strutturato in ordine alfabetico come un'enciclopedia. Da una parte è poco agevole se ci si accosta da completi profani perché non si sa nemmeno da che parte cominciare, però se hai qualunque dubbio… qui trovi la risposta!

  • Pamela

    4 Giugno 2015 at 9:59 PM

    Ma sai che è lo stesso per me? Amo, adoro, venero Jane Austen, si è capito, però mi sento più vicina alle Brontë. Sicuramente dedicherò un post a quest'argomento "controverso" ^_^
    Condivido in toto il tuo commento su Jane Eyre e Charlotte. Confesso di averlo letto una sola volta, ho un serio problema con le riletture: devo porvi rimedio. Assolutamente.

  • Pamela

    4 Giugno 2015 at 10:03 PM

    Grazie infinite cara, e non preoccuparti… passa quando vuoi <3 anch'io latito ultimamente, o meglio, nonostante segua sempre i blog spesso non mi fermo a commentarli, sigh. Devo porre rimedio anche a questa cosa U_U

  • Pamela

    4 Giugno 2015 at 10:17 PM

    Sì, cara, lo sono… XD Però la consapevolezza è già una bella cosa, no? *cerca di convincersi*
    Hai reso perfettamente le emozioni che provoca Cime tempestose… Heathcliff e Catherine sono tra i personaggi più complessi della letteratura, secondo me. Non smetterò mai di interrogarmi su come Emily abbia potuto scrivere un romanzo così… oscuro e fuori dagli schemi.
    Di solito (almeno mi baso sulle persone che conosco) tutti preferiscono Jane Eyre a Cime tempestose, la tua è una scelta poco convenzionale ^_^

  • Luz

    8 Giugno 2015 at 3:45 PM

    Ma sì, ti consiglio di rileggere, e di far passare fra lettura e ri-lettura un bel po' di tempo. Ti si aprono scenari diversi, garantito!

Chiacchieriamo?

Post precedente Post successivo