Thornhill di Pam Smy: una piccola storia nera

11 novembre 2017
Blog post

Mi sono innamorata di questo libro nell’istante in cui ci ho appoggiato sopra lo sguardo. So che capite alla perfezione cosa intendo, e come i colpi di fulmine possano portare sia a grandi amori che a cocenti delusioni. Come sarà andata, quindi, con Thornhill di Pam Smy? Avrà mantenuto la promessa sussurrata dalla sua cover, quella di una storia dalle atmosfere cupe e inquietanti? Cliccate play… e poi vi aspetto qui sotto nei commenti!

Thornhill in inglese

Thornhill in italiano

Video interviste a Pam Smy:

Pam Smy and Thornhill

Pam Smy’s Creative Inspiration for Thornhill 

Pam Smy’s Professional Background 

Come Play with Me di Kevin MacLeod è un brano autorizzato da Creative Commons Attribution.

 

6 Comments

  • Elisabetta

    11 novembre 2017 at 3:48 PM

    Cara Pamela,

    già avevi acceso la mia fantasia con il London Book Haul; adesso, con questo splendido video sento che non potrò fare a meno di acquistarlo. Anche io, che nella vita sono la semplicità fatta persona, per il libri sono un’esteta delle più esigenti e do moltissima importanza alle copertine, all’impaginazione e a tutto ciò che fa di un volume un’opera unica. Il pressappochismo in letteratura mi dà sui nervi, e questo sembra davvero un piccolo gioiello da non farsi scappare. Va detto che, come sempre, hai curato il video in ogni piccolo dettaglio; non ultimo quella musica in sottofondo che crea un’atmosfera ansiogena e cupa, molto in linea con la descrizione che hai fatto di Thornhill. Grazie ancora per i preziosissimi consigli!!! Data la stima che ho per te, sono certa che adorerò questo romanzo.Un abbraccio. Ely

    1. Pamela

      13 novembre 2017 at 12:17 AM

      Cara Ely, è davvero un piccolo gioiello. Ti consiglio di guardare i video che ho linkato, si capisce quanta cura e dedizione ci sia dietro a Thornhill. Non è stata una semplice lettura, ma un’esperienza a tutto tondo! Aspetterò un tuo commento con ansia… data la stima, mi sento un tantino responsabile 😉
      Scherzo. Ti piacerà, ne sono sicura!
      Un abbraccio <3

  • Paola C.

    15 novembre 2017 at 9:21 AM

    Ciao Pamela, devo dire che mi ispira moltissimo! Oltretutto è un genere che amo particolaremente…ho sbirciato su Amazon ed ho visto che lo inseriscono tra le letture per bambini dai 9 agli 11 anni :-/

    1. Pamela

      15 novembre 2017 at 6:15 PM

      Ciao Paola! Secondo me può essere letto con grande piacere sia da un pubblico giovane che da uno adulto. Non è assolutamente infantile. Certo non aspettarti un Stephen King, ecco 😊. Mi ricorda un po’ Neil Gaiman, dovendo proprio fare un nome. Comunque, a mio avviso, una parte della storia non è adatta a dei bambini così piccoli, in quanto potrebbe essere disturbante.

  • Eilsabetta

    12 dicembre 2017 at 9:17 AM

    Cara Pamela, ieri sera ho finito di leggere Thornhill e devo dire che mi è piaciuto molto. Premetto che non è il mio genere, però devo riconoscere che questo volume è qualcosa di unico. Ho apprezzato tantissimo l’idea di alternare le illustrazioni (davvero suggestive peraltro!) alle parti narrative. Bella anche l’idea di dedicare perlopiù i disegni a un personaggio (Ella) e il racconto vero e proprio all’altro (Mary). Sai che mentre lo leggevo mi tornava in mente la musica del tuo video? 🙂
    Il finale, te lo confesso, mi ha un po’ scioccata; non me lo aspettavo. Inoltre concordo con te che questo non è un testo adatto ai ragazzi molto giovani perché piuttosto angosciante e disturbante. Trattandosi di una prosa molto lineare e lapidaria, di sicuro anche la versione in inglese può essere ben compresa anche da chi non è molto abituato a leggere libri in lingua. Io, comunque, ho preferito di gran lunga le illustrazioni alle parti descrittive…
    Grazie mille per il consiglio. Ely

    1. Pamela

      13 dicembre 2017 at 12:22 AM

      Quella musica ha perseguitato a lungo anche me 😅 una “lullaby” piuttosto inquietante. Il titolo, “Come Play with Me”, calza alla perfezione, nemmeno fosse stata scritta apposta!
      Il finale non l’avevo proprio visto arrivare. Se l’avessi letto da piccola mi avrebbe turbata per chissà quanto tempo 😱. Non è la prima volta che non comprendo le scelte di target delle case editrici… mah.
      Grazie a te Ely per avermi fatto avere le tue impressioni!

Chiacchieriamo?

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Post precedente Post successivo